Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Italian Design Day 2024: Fabbricare Valore, inclusività, innovazione e sostenibilità

idd24_1080 Logo with text Ita En

Il 22 marzo 2024 si celebra a Cipro l’VIII edizione della Giornata del Design Italiano nel Mondo sul tema «Fabbricare Valore: inclusività, innovazione e sostenibilità».

L’Ambasciata d’Italia a Nicosia, insieme all’ ITA Trade Agency e l’Università di Nicosia, ospiteranno l’architetta italiana, Prof.ssa Paola Scala dell’Università Federico II di Napoli, che in collaborazione con la Prof.ssa Alessandra Swiny dell’Università di Nicosia, organizzerà un evento pubblico e una conferenza sul «Community Design_an Inclusive Process». Il design non è più inteso, come in passato, quale prodotto “autoriale” ed elitario, ma come processo collettivo e condiviso.

Il design è dunque visto come percorso: un’attività che parte dall’osservazione della realtà e dall’interazione con la comunità e che ne individua i bisogni, arrivando alla costruzione di un dispositivo che ne risponde, in vari modi, alla necessità.

Un approccio che distingue da oltre mezzo secolo la scuola italiana di design e che ne costituisce uno dei principali motivi di apprezzamento e distinzione: l’utile che incontra il bello.

L’evento è articolato in tre momenti [ved. allegati]:

Workshop aperto al pubblico presso la Piazza Eleftherias, Nicosia – dalle 15:00 alle 17:00:

  1. Gli studenti della Facoltà di Architettura dell’Università di Nicosia, per coinvolgere in maniera interattiva pubblico, studenti e docenti sul tema del rapporto tra abitanti della città e piazza Eleftherias, progettata da Zaha Hadid, porteranno alcuni dispositivi per suscitare curiosità e catturare l’attenzione dei passanti, incoraggiandoli a una partecipazione “inaspettata” con gli spazi.

Lecture e Tavola Rotonda aperta al pubblico, previa registrazione*, presso l’Università di Nicosia – dalle 18:00 alle 20:00:

  1. Le prof.sse Scala e Swiny illustreranno in una conferenza, attraverso il paragone tra Napoli e Nicosia, come l’eredità del design italiano si sia tradotta oggi in una metodologia progettuale che parte dai contesti e dall’interazione con i residenti per definire un design che esprime al meglio l’anima dei luoghi. Un design percepito dagli utenti come vicino alle loro esigenze e allo stesso tempo capace di aggiungere valore e qualità agli spazi urbani.
  2. A conclusione, una tavola rotonda che vedrà la partecipazione di architetti e designer ciprioti e italiani tesserà un dialogo tra professionisti e ricercatori impegnati nella progettazione comunitaria, aprendo nuovi percorsi e orizzonti di ricerca nel settore.

Sarà offerto ai partecipanti un rinfresco a base di prodotti eno-gastronomici italiani.

*La registrazione all’evento è possibile fino al 21 marzo 2024 all’indirizzo email: nicosia.culturale@esteri.it

Italian Design Day è la rassegna tematica annuale lanciata nel 2017 dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale in collaborazione e con il sostegno del Ministero della CulturaItalian Design Day comprende un ricco palinsesto di eventi promozionali realizzati dalla rete delle Ambasciate, dei Consolati, degli Istituti Italiani di Cultura e degli Uffici ICE all’estero e si afferma di anno in anno come efficace strumento di sostegno alla promozione del design e all’internazionalizzazione di un comparto industriale strategico per il nostro export. Ogni anno, per l’occasione, cento testimonial si fanno narratori del design e della creatività italiani nel mondo.

Italian Trade Agency – ITA è l’agenzia governativa che supporta lo sviluppo commerciale delle imprese all’estero e promuove l’attrazione di investimenti esteri in Italia. ITA Beirut è responsabile del mercato libanese, cipriota e siriano. Direttore commerciale: Dott. Claudio Pasqualucci, tel: +961 5 959640, email: beirut@ice.it, sito web: www.ice.it

BIO:

Prof.ssa Paola Scala, Università Federico II di Napoli (Italia):

Paola Scala, Architetto, Ph.D, professore associato di Composizione Architettonica e Urbana presso il DiARC_Dipartimento di Architettura della Federico II di Napoli. Membro del PQA di Ateneo, ha insegnato nel Laboratorio di Interior Design Studio del DBE_ Design for Building Enviroment , corso di Laurea Magistrale in Lingua Inglese . Attualmente insegna nel Laboratorio di Composizione 3/ Architettura del Paesaggio del Corso di Laurea Quinquennale in Architettura e nel Laboratorio del Progetto per la sostenibilità degli Habitat al Co.De, Corso di Laurea Triennale in Design per la Comunità. È membro del Collegio di Dottorato ATESIP Architettura Per La Transizione Ecologica Tra Spazi Interni E Paesaggio dell’ Università degli Studi di Palermo. È parte del gruppo di lavoro del T_Lab, il Tansitional Lab del DiARC istituito nell’ambito del Progetto per il Dipartimento di Eccellenza, dove si occupa in particolare della sezione Designing & Visioning. Nel 2018 fonda l’ICDS_Informal City Design Studio, un laboratorio di ricerca sul design degli spazi pubblici a partire dal riconoscimento e dall’interpretazioni degli usi e delle relazioni informali tra comunità differenti. È autrice di alcune monografie e di numerosi saggi su riviste e pubblicazioni nazionali e internazionali.

Prof. Alessandra Swiny, Università di Nicosia (Cipro):

Alessandra Swiny è un architetto di origine britannica e americana. Ha conseguito il Bachelor of Arts presso la Barnard-Università di Columbia e il Master in Architettura presso l’Università di Harvard negli Stati Uniti. È stata Preside del Dipartimento di Architettura dal 2012 al 2018 ed è attualmente professoressa di ruolo presso l’Università di Nicosia, a Cipro. È stata selezionata, con i partner Y.Hadjichristou, V. Antoniou, come curatore del Padiglione di Cipro nel 2018 alla Biennale di Architettura di Venezia, con il progetto ‘I Am Where You Are’ e nel 2016 alla Triennale di Milano, con il progetto ‘Human Topographies_ Emerging Identities’. Negli ultimi anni il suo lavoro si concentra su temi di crisi, emergenza e architettura sfollata.